giovedì 20 luglio 2017

GLITTERLAND - Alexis Hall

Ho letto questo libro senza grandi aspettative perché la cover e il titolo glitterati non mi ispiravano per nulla (chi mi conosce sa che io odio il rosa e i glitter) e devo dire che mi ha davvero sorpresa perché mi è piaciuto tantissimo, complice anche l’averlo letto insieme ad un gruppo di amiche con cui potevo sfogarmi su certe scene (avete mai letto un libro insieme a qualcuno? È tanto bello avere qualcuno che capisce i tuoi scleri in diretta!!).

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Titolo:  Glitterland
Autore: Alexis Hall
Editore: Triskell Edizioni 
Pagine: 251
Trama: L’universo è una palla stroboscopica che tengo nel palmo della mano.
Ash Winters, ex giovane promessa della scena letteraria britannica e ora scrittore cronicamente depresso di romanzi pulp, ha rinunciato all’amore, alla speranza, alla felicità e soprattutto a se stesso. Trascorre la vita nell’attesa della successiva ricaduta, tormentato dal fantasma delle aspettative altrui.
Poi, un incontro casuale a una festa di addio al celibato lo getta tra le braccia di Darian Taylor,un aspirante modello dell’Essex che vive in un mondo fatto di gel per capelli, abbronzature artificiali e sfilate. Per sua stessa ammissione, Darian non è certo un campione d’intelligenza, ma sa preparare un eccellente pasticcio di carne e riesce a far ridere Ash, ricordandogli cosa significa travalicare gli opprimenti confini imposti dall’ansia.
Ma Ash vive all’ombra di se stesso da così tanto tempo che non è capace di vedere la luce oltre lo scintillio. Può un uomo che non ha fiducia in se stesso credere nella felicità? E come può un uomo che non crede nella felicità lottare per ottenere la propria?
- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -


Ash è uno scrittore che da anni lotta con una forte depressione che alterna a momenti di precaria stabilità vivendo le sue giornate nella solitudine delle quattro mura domestiche e nell’apatia, disinteressato da tutto ciò che succede nel mondo e da tutti quelli che gli stanno attorno. Ma quando incontra Darian qualcosa in lui si risveglia, possibile che quel pirata di lustrini vestito e acconciato in modo stravagante e così luminescente gli faccia quell’effetto? Ma è da talmente tanto tempo che non si sentiva attratto da qualcuno che non può lasciarsi sfuggire quest’occasione… questa conoscenza però gli sconvolgerà letteralmente la vita facendogli (ri)scoprire la felicità.
Ma che importanza aveva? Che importanza avrebbe avuto tutto questo? Non lo avrei mai più rivisto. Nessuno avrebbe mai saputo. Ogni parvenza di senno e giudizio era stata spazzata via da quel pirata glitterato che parlava una strana lingua, e non avrei dovuto preoccuparmene.

Premetto una cosa, io Ash l’ho amato alla follia, ho amato i suoi pregi e i suoi difetti, mi sono affezionata davvero tanto a lui ma non ho mai sopportato Darian, è davvero un personaggio osceno, esagerato coi glitter (mai titolo fu più adeguato), che mai potrei apprezzare se non fosse che Ash con lui sembra stare davvero bene unico motivo per cui alla fine l’ho apprezzato.

Ash è il classico inglese aristocratico, un po’ snob, che veste abiti su misura e proviene da una famiglia perbene, è un misantropo apatico che ha un problema grave: la depressione; questo demone lo tormenta da anni e lo fa stare male, alterna momenti di follia a momenti di relativa pace tanto da compromettere il suo lavoro di scrittore. 
Ash è decisamente un personaggio complesso, ha un carattere già di suo non facile, tende sempre a dare ordini, ad essere ironico e scontroso ma il tutto viene aggravato dalla sua malattia che lo rende sempre più solo, stargli accanto non è certo semplice.
C’era ben poco che io temessi più della felicità, quella puttana infedele che attendeva sempre in agguato tra la follia e il vuoto. Il mio umore, quando non era tenuto sotto controllo dai farmaci, non faceva che cambiare; la felicità era soltanto qualcos’altro da perdere. Parole e immagini vagavano tra i miei pensieri, impigliandomisi addosso come rovi per poi svanire nel fumo. Mi stavo addentrando in un sentiero pericoloso. Il mio era un mondo fatto solo di immagini spezzate, quasi fossi eternamente bloccato sulla soglia di uno specchio, incapace di distinguere il riflesso dalla realtà. La città splendente e la desolata brughiera: la verità stava da qualche parte nel mezzo, una semplice linea grigia, sottile come la lama di un coltello.

Ma quando nella sua vita entra Darian, quel ragazzo dalla carnagione color carota per i troppi autoabbronzanti, che ha lo smalto argentato su mani e piedi, che usa chili di gel per farsi un improbabile ciuffo che sfida ogni legge di gravità, quel ragazzo troppo ingenuo ed innocente rispetto ad Ash e che stona davvero tanto al suo fianco si rivelerà in realtà la sua ancora di salvezza, la sua illusione (?) di felicità. 

La prima volta che l’ha visto alla festa pensava sarebbe stata una semplice storia di una notte, invece questo affascinante pirata di lustrini ricomparirà nella sua vita e diventerà la sua rinnovata quotidianità fatta di sorrisi e cose semplici (credetemi pure, anche Ash non capisce come diavolo può essere attratto da un tipo come Darian!!).
Ma può la felicità convivere con la depressione? 
Può un semplice ragazzo dell’Essex essere il rimedio alle sue ansie? 
Possono due persone così opposte stare bene insieme?
Che diavolo mi prendeva? Perché, tra tutti gli uomini che c’erano al mondo, l’unico a farmi sentire vivo era uno scintillante idiota dell’Essex?

Ho riso tantissimo con questo libro per alcune scene, eppure la storia non fa ridere per nulla, non è un libro leggero come verrebbe da pensare dal titolo. 
I problemi di Ash sono seri, terribilmente reali. L’autore riesce a descrivere perfettamente l’ansia e gli attacchi di panico che affliggono Ash, solo Darian con la sua dolcezza riuscirà a stargli accanto senza mai chiedere nulla in cambio.
È un libro che fa ridere, certo, con troppi lustrini e cose argentate che luccicano, ma allo stesso tempo è delicato e fragile, racconta di due opposti che insieme riescono a completarsi e a rendersi felici contro ogni previsione e pregiudizio.

Così come pensavo non mi sarebbe mai piaciuto il libro anche Ash pensava che Darian sarebbe stato insignificante nel suo cammino. Invece ci sbagliavamo entrambi, e amo quando un libro riesce a stupirmi come questo. Certo di base è sempre un romance m/m, quindi aspettatevi qualche scena piccante (personalmente trovo che non guastino mai) ma andate oltre a questo, la storia raccontata è molto di più di una semplice storia d’amore perché parla di accettazione e di consapevolezza, di scelte difficili ma fatte insieme.

È una storia molto profonda, basata sulle diversità e sui pregiudizi che bisogna superare e lasciarsi alle spalle per vivere felici. Si legge alla svelta ma i personaggi ti rimangono nel cuore, davvero un libro consigliatissimo!

6 commenti:

  1. Eccomi di ritorno! Piano piano recupero il ritmo, cominciamo coi commenti ai blog B)
    Questo libro mi ispira e non mi ispira, ad essere sincera. Da una parte leggo tutte le recensioni e molte esprimono il tuo stesso parere: premesse terribili, libro bellissimo. Dall'altra... BohxD Ash mi sembra molto in sintonia con me, Darian MOLTO meno. Sarà l'autoabbronzante, il glitter o il gel?xD
    Scherzi a parte, ne terrò sicuramente conto, viste le recensioni, ma non è in cima alle priorità, ecco:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda sono basita perchè non pensavo mi sarebbe piaciuto tanto! E io non godo davvero Darian ma con Ash è così carino *_*
      A proposito...si avvicina il tuo compleanno, cara, vuoi che insieme al libro ti invio una boccetta di gel? Per il ciuffo?? :P
      Se mai lo leggerai ovviamente aggiornami eh!!!

      Elimina
  2. Bello bello bello. E molto sbrilluccicoso! E' un libro che mi sembrava leggero ma che in realtà nasconde molto. L'ho trovato fantastico. Mi sono innamorata di Ash, ma quello che ho ammirato di più è Darian, anche se credo che se me lo trovassi davanti non potrei fare a meno di scoppiargli a ridere in faccia.
    Recensione in linea con la mia, ma non avevo dubbi, tesorino <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesorino, noi siamo sempre in sintonia, fin troppo a volte XD
      Davvero una sorpresa come libro, non credevo.
      Certo l'averlo letto insieme ha influito molto positivamente a livello di divertimento <3

      Elimina
  3. Lo lessi tempo fa e proprio come te, pensavo che non mi sarebbe piaciuto... Alla fine invece ci scappò anche la lacrimuccia. Bellissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trovo bellissimo quando un libro ti sorprende così, parti con aspettative pari a zero e alla fine ti conquista completamente.

      Elimina