mercoledì 25 ottobre 2017

CON IL FIATO SOSPESO - Charlie Cochet

Appena finito di leggere il primo volume della serie THIRDS, QUI trovate la recensione, non ho saputo resistere, e ho ovviamente iniziato la lettura del secondo perché ero troppo curiosa di proseguire!
Ovviamente se non avete letto il primo libro vi sconsiglio di leggere la mia recensione perché sarà inevitabile fare qualche spoiler!

_____________________________________________

Titolo:  Con il fiato sospeso (THIRDS #2)
Autore: Charlie Cochet
Editore: Triskell Edizioni
Pagine: 258
Trama: Quando in un Centro Giovanile Teriano, scoppiano delle bombe che feriscono alcuni membri della squadra Destructive Delta dei THIRDS e causano uno screzio tra gli agenti Dexter J. Daley e Sloane Brodie, la pace sembra una meta irraggiungibile. Specialmente quando un nuovo spaventoso gruppo, l’Ordine di Adrastea, sembra essere sempre un passo avanti a loro. Con il diffondersi del panico e dell’intolleranza, e le strade che iniziano a riempirsi della propaganda dell’Ordine, le ostilità tra Umani e Teriani si inaspriscono. Dex e Sloane, assieme al resto della squadra, sono determinati a distruggere l’Ordine e a ristabilire la pace, per non parlare dei conti personali in sospeso da saldare. Ma più la squadra investiga sulle esplosioni, più si rende conto che dietro lo spargimento di sangue e la diffusione del caos si cela una motivazione più sinistra.
La scoperta della spaventosa verità che si cela dietro gli intenti dell’Ordine obbliga Sloane ad affrontare i segreti di un passato che pensava di essersi lasciato alle spalle, un passato che non solo potrebbe annientare lui e la sua carriera, ma anche la reputazione dell’organizzazione che lo ha fatto diventare l’uomo che è oggi. Ora più che mai, Dex e Sloane hanno bisogno l’uno dell’altro e, grazie alla fiducia reciproca, la forza del loro legame farà la differenza tra giustizia e guerra senza esclusione di colpi.
_____________________________________________

Alla fine del primo libro eravamo rimasti col fiato sospeso dopo aver visto nascere,per mano di Isaac Pearce, un nuovo spaventoso gruppo di estremisti umani che vogliono pulire il mondo dai teriani: l’Ordine di Adrastea. I THIRDS stanno lavorando da mesi sul caso per scovare ed eliminare questa organizzazione, ma non è così facile perché Isaac è furbo e paziente e sembra sempre essere una mossa più avanti di loro, in più sembra essere a conoscenza di fatti che persino i THIRDS hanno cercato di insabbiare, se non riescono a fermare Isaac le conseguenze per tutti saranno davvero tremende. Sloane sarà costretto a fare i conti con quelle cose del suo passato che credeva di aver chiuso per sempre e allo stesso tempo dovrà gestire la sua squadra e il suo rapporto con Dex sempre più precario.

Se il precedente libro era molto incentrato su Dex e sul suo ingresso nei THIRDS questo è decisamente il libro di Sloane. Dex è oramai passato a membro effettivo della squadra, ha passato le prove ed è stato accettato da tutti i suoi compagni tanto da trattarlo come un fratello, Ash a parte con cui la sopportazione è sempre minima. Anche il suo rapporto con Sloane sta proseguendo, al momento “prendono quel che viene” e sembra andare bene così ad entrambi. Ma quando la minaccia dell’Ordine si fa più pressante Sloane si ritrova a fronteggiare eventi del passato che pensava fossero seppelliti per sempre, e dovrà decidersi se fidarsi del suo compagno o meno.

Sloane è decisamente combattuto nei confronti di Dex, non sa cosa vuole da lui, e ha paura che se venisse a conoscenza del suo passato lo lascerebbe senza indugio; vive di insicurezze e di paure, è uno Sloane destabilizzato che si comporta in modo strano, persino lui stenta a riconoscrersi. Dex dal canto suo non capisce questo atteggiamento del compagno ma del resto Sloane non gli ha mai promesso niente di più di qualche nottata insieme e lui non può chiedere di più, non gli resta che attendere anche se questa situazione sta cominciando ad essere pesante, e i litigi sono sempre all'agguato.  

Il suo nuovo compagno era… straordinario. Non aveva mai conosciuto nessuno come lui. Voleva imparare ancora tante cose di Dex e fare nuove esperienze assieme. Dex gli faceva bene, sempre pronto a raccogliere i pezzi, con un sorriso caloroso e un tocco gentile.[…]Dex era così paziente, il ragazzo più paziente che Sloane avesse mai conosciuto, ma quanto poteva durare quella pazienza? Gli aveva detto di avere solo bisogno di tempo, ed era vero, ma se il tempo non fosse servito a niente? E se non fosse mai stato in grado di lasciare andare Gabe? Per quanto tempo poteva andare avanti a dare parte di se stesso a Dex, ferendo una brava persona, quando lui si meritava molto di meglio?

Mi sono piaciuti davvero tantissimo in questo libro, il loro rapporto è in evoluzione, compagni di squadra ed amanti che si trovano a fronteggiare il futuro insieme basato ovviamente sulla fiducia reciproca. Il loro legame è qualcosa di forte, che nessuno dei due pensava di poter provare e trovare nell’altro, ma se Dex è piuttosto sicuro di quello che vuole Sloane al contrario è perso, è insicuro e nell’insicurezza che sta vivendo rischia di rovinare per sempre il suo rapporto con Dex
Dex è troppo buono per fargli fretta, e sinceramente ho insultato Sloane diverse volte nella lettura perché doveva svegliarsi e non farmi soffrire il povero Dex!!!

Come nel primo la storia è piena di azione ma a differenza dal quello qua si inizia subito col botto, non c’è mai un momento di noia e sin da subito si entra nel vivo degli eventi. Mi è piaciuto lo sviluppo della storia tra Dex e Sloane, mi sono piaciuti anche i rapporti che si stanno formando (o che si stanno palesando) tra altri membri della squadra. Trovo tutti i personaggi fatti bene e mi sembra di conoscerli davvero, adoro i loro dialoghi con la squadra al completo, vedi la scena del locale del karaoke! E poi è impossibile non amare Dex, così adorabile! Capisco perfettamente che Sloane non possa resistergli!

Un’altra cosa che mi piace molto è il mondo creato dall’autrice, è molto realistica la discriminazione subita dai teriani, molto plausibile l'insabbiamento di certi dati sensibili di cui Isaac sembra essere venuto a conoscenza. Isaac poi è davvero uno psicopatico che mette i brividi perché è intelligente e motivato nella sua follia.

Il finale poi è molto soddisfacente da un lato e lascia aperte una serie di situazioni che promettono sviluppi molto interessanti per i prossimi libri, ma per fortuna non c’è un cliffhanger che ti costringe a continuare la serie. Decisamente questo secondo capitolo della serie mi è piaciuto più del primo e spero di poter continuare al più presto i seguiti! 
Se non si fosse capito mi piacciono davvero tanto questi libri! Ma vi dico... Attenzione, creano dipendenza!

2 commenti:

  1. Ma io aspettavo il commento sulla scena dell'addestramento partner xD
    Comunque vedrai alla fine del terzo come non ti renderai nemmeno conto di avere già in mano il quarto xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai i commenti te li ho fatti tutti in diretta (fammi fare recensioni serie almeno, già che dico stupidaggini in chat almeno il blog teniamolo... serio XD)
      Sono immersa nel terzo, mi sa che vanno tutti di fila gli altri ahahahah

      Elimina